L’evoluzione del restauro librario: un bilancio a cinquant’anni dall’alluvione fiorentina

Autori

  • Melania Zanetti Università Ca’ Foscari di Venezia, Dipartimento di studi umanistici

DOI:

https://doi.org/10.2426/aibstudi-11646

Parole chiave:

history of book conservation, book archeology, florentine flood

Abstract

In occasione del cinquantesimo anniversario dell’alluvione fiorentina del 1966, il contributo richiama l’attenzione sulla straordinaria evoluzione che nel XX secolo ha caratterizzato il restauro librario. Da intervento artigianale mirato alla restituzione di funzionalità e pregio artistico a libri e documenti in cattive condizioni, esso ha assunto le caratteristiche di un’operazione interdisciplinare che necessita non solo di salde radici storiche, ma anche di competenze scientifiche e di abilità tecniche. Inoltre il restauro presenta ora finalità assai più articolate rispetto al passato: il suo primo obiettivo è quello di rallentare il processo di decadimento del patrimonio librario e documentario; il secondo riguarda la salvaguardia delle informazioni materiali di cui il libro è testimone e veicolo; l’ultimo è quello di cooperare, con il proprio specifico contributo, alla ricostruzione della cultura materiale che ha presieduto alla produzione dei manufatti antichi e moderni.
In questo processo, un ruolo importante è stato svolto da alcuni eventi – quali la Conferenza di S. Gallo del 1898, l’incendio della Biblioteca Universitaria di Torino nel 1904 e la fondazione dell’Istituto di patologia del libro nel 1938 – ai quali è seguita la fondamentale esperienza di recupero dei volumi della Biblioteca nazionale centrale di Firenze travolti dall’alluvione del 1966.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Pubblicato

2017-11-20

Come citare

Zanetti, M. (2017). L’evoluzione del restauro librario: un bilancio a cinquant’anni dall’alluvione fiorentina. AIB Studi, 57(2). https://doi.org/10.2426/aibstudi-11646

Fascicolo

Sezione

Profili