WebDewey search

Autori

  • Piero Cavaleri Università Carlo Cattaneo – LIUC, Biblioteca “Mario Rostoni”, Castellanza (VA)

DOI:

https://doi.org/10.2426/aibstudi-11644

Parole chiave:

webdewey, dewey decimal classification, semantic indexing

Abstract

Le biblioteche impiegano molte risorse umane e finanziarie per indicizzare le pubblicazioni nei propri cataloghi e per sviluppare sistemi di indicizzazione semantica. Sta diventando sempre più importante che questi investimenti siano pienamente utilizzati dalle biblioteche a vantaggio dei propri utenti.
La Classificazione decimale Dewey (CDD) incorpora molte informazioni che le biblioteche potrebbero usare per migliorare i risultati delle ricerche degli utenti. Le biblioteche nazionali di Germania, Norvegia e Svezia hanno sviluppato degli strumenti per consentire la ricerca sui dati disponibili nei database delle rispettive WebDewey: WebDewey Search Deutsch, Norsk WebDewey Search e Svenska WebDewey Search. Questi strumenti consentono di scorrere la gerarchia della CDD, di trovare numeri attraverso l’uso dell’indice relativo e di effettuare ricerche all’interno di tutto il database con modalità Google-like. I numeri individuati possono essere usati come link per lanciare ricerche direttamente nei cataloghi delle tre biblioteche e, nel caso della versione tedesca, anche in altri importanti cataloghi. I dati della versione italiana della CDD potrebbero essere utilizzati facilmente per creare uno strumento analogo, ma l’AIB – editore della WebDewey italiana – deve risolvere alcuni problemi riguardo al finanziamento del progetto e alla definizione di una politica relativa ai cataloghi da collegare.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Downloads

Pubblicato

2017-11-20

Come citare

Cavaleri, P. (2017). WebDewey search. AIB Studi, 57(2). https://doi.org/10.2426/aibstudi-11644

Fascicolo

Sezione

Materiali