Note a margine del libro di Giovanni Solimine L’Italia che legge

Autori

  • Luca Ferrieri Fondazione per leggere, Milano

DOI:

https://doi.org/10.2426/aibstudi-13341

Parole chiave:

lettura, lettori, consumi culturali

Abstract

L’articolo riporta alcune riflessioni a margine del libro di Giovanni Solimine L’Italia che legge, edito da Laterza nel 2010. Si sottolinea la poliedricità intellettuale di Solimine, tra i primi e pochi studiosi italiani di biblioteconomia a dedicare nel corso della sua lunga carriera una certa attenzione ai campi della lettura, dell’editoria, dei consumi e dell’industria culturale. Uno dei grandi meriti dell’autore è, infatti, la capacità di ricorrere ai dati statistici senza dimenticare, però, che la questione della lettura e del suo sviluppo è innanzitutto una questione culturale, superando la perentorietà stessa dei dati e rivelando particolari che vanno oltre il rilievo puramente numerico. Il libro di Solimine è il risultato di una volontà di vedere le cose da diverse angolazioni, di evitare teoremi o slanci mistici, di non rassegnarsi alla spiegazione più semplice o più di moda. Analizzati con il senno di poi i dati sulla lettura danno l’impressione di una sostanziale immobilità e su numerosi altri punti il libro, grazie alla profondità di ricerca e di visione di Solimine, sembra prevedere tendenze e problemi che emergeranno con forza nel nostro Paese negli anni successivi.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Downloads

Pubblicato

2022-02-27

Come citare

Ferrieri, L. (2022). Note a margine del libro di Giovanni Solimine L’Italia che legge. AIB Studi, 61(3), 653–657. https://doi.org/10.2426/aibstudi-13341

Fascicolo

Sezione

Rileggendo l'opera