Livelli di verità: post-verità, fake news e neutralità intellettuale in biblioteca

Autori

DOI:

https://doi.org/10.2426/aibstudi-11833

Parole chiave:

post-truth, fake news, intellectual neutrality

Abstract

La post-verità, intesa in senso forte, come negazione o superamento del concetto di verità, è autocontraddittoria. Intesa invece in senso debole coincide con le cosiddette fake news, di cui si fornisce una definizione e contro le quali i migliori antidoti sono l’information literacy e una buona dieta mediatica. In ogni caso la verità non è un concetto particolarmente rilevante per i bibliotecari, anche perché ne esistono di vari livelli, spesso non è accertabile e molti dei documenti tipicamente conservati dalle biblioteche non sono veridici o non contengono informazioni sensatamente classificabili come vere o false. La neutralità intellettuale dei bibliotecari è un concetto meno popolare della post-verità e delle fake news, ma molto più complesso e molto più rilevante per la professione: ne viene fornita una definizione e ne vengono esposti i principali argomenti favorevoli (ritenuti dall’autore i più convincenti) e contrari.

Downloads

I dati di download non sono ancora disponibili.

Downloads

Pubblicato

2019-05-31

Come citare

Ridi, R. (2019). Livelli di verità: post-verità, <em>fake news</em> e neutralità intellettuale in biblioteca. AIB Studi, 58(3). https://doi.org/10.2426/aibstudi-11833

Fascicolo

Sezione

Note e discussioni